Pro Roberto

Versione Beta
Come l’innovazione digitale sta cambiando il turismo

Come l’innovazione digitale sta cambiando il turismo

Per restare al passo dei tempi anche il mondo del turismo si fa innovativo, digitale e multimediale. Con l’obiettivo di raggiungere un numero sempre più elevato di utenti e, soprattutto, di rendergli la vita più semplice e interessante.

Sono questi gli obiettivi della rivoluzione innovativa turistica: piattaforme per confezionarsi un viaggio ad personam, scegliere itinerari ed esperienze, sistemi tecnologici per tracciare il proprio bagaglio o gestire prenotazioni, viaggi, alloggi.

Secondo quanto espresso dall’Osservatorio Innovazione Digitale nel Turismo, proposto dalla School of Management del Politecnico di Milano, nel 2018 il mercato dei viaggi è cresciuto del 2%, in Italia, per un giro d’affari del valore complessivo di 58.3 miliardi di euro, comprendendo sia gli acquisti degli italiani che restano nella nostra penisola, che di quelli che scelgono l’estero. Vero e proprio traino di questo incremento è l’innovazione digitale: +8% a livello di acquisti e prenotazioni online, raggiungendo 14.2 miliardi di euro, ripartiti tra le spese per i trasporti (61%), gli alloggi (29%) e i pacchetti viaggio (10%).

La crescita online è dovuta anche agli attori tradizionali della filiera, come le agenzie, i tour operator, i servizi a supporto della mobilità, le strutture ricettive, che si stanno rinnovando mettendo a disposizione dell’utente siti e app delle strutture ricettive, aumentate del 13% rispetto all’anno precedente. Con un traffico digitale che non è solamente pre-esperienza o pre-viaggio. Ma soprattutto post. Condivisione social, recensioni, feedback, forum sono un vero e proprio fermento di turisti digitale e quindi di possibili acquirenti.

Così si crea una vera e propria corsa all’armamento digitale. Tra le innovazioni sviluppate di recente c’è Tripoow, entrata nel portfolio di Digital Magics Palermo, che grazie ad algoritmi e all’intelligenza artificiale dei Big Data, è in grado di trovare le soluzioni al prezzo più conveniente in appena tre click. L’utente deve solo inserire il budget a sua disposizione e l’applicazione elabora le mete raggiungibili con quella cifra. Una volta partiti si potrà fare affidamento su FindUrBag, un sistema che consente al turista di tracciare il proprio bagaglio grazie all’etichetta e al suo QR Code. In caso di smarrimento basterà scansionare il codice con qualunque smartphone e appariranno tutte le informazioni del caso: nome, cognome, aeroporto di partenza, aeroporto di arrivo, numero di telefono e e-mail. Alla scansione, il proprietario verrà avvisato tramite sms e e-mail su dove si trova la propria valigia e potrà essere contattato anche tramite WhatsApp.

Tutta italiana è invece la start-up Keesy, che offre un sistema di self check-in e self check-out per appartamenti, case vacanza, B&B a Firenze, Roma, Milano, Cagliari, Torino e prossimamente a Venezia, Pisa, Bologna, La Spezia. Chiavi digitali oppure punti di raccolta per il ritiro e la consegna fisica. E dopo essere entrati in casa potrete, magari, scaricare BikeSquare, piattaforma di cicloturismo, con un portale che permette di noleggiare bici elettriche, creare itinerari, trovare punti vendita e di assistenza. Lungo il percorso selezionato, BikeSquare consente all’utente di individuare esperienze per scoprire il territorio: visite guidate, degustazioni di prodotti enogastronomici, eventi, notizie su paesaggio, territorio, storia. La traccia è infatti geolocalizzata e l’utente sa sempre dov’è e cosa c’è nei suoi dintorni.

Per una esperienza turistica a 360 gradi.

Leave comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *.