Essere Francesco Totti

Francesco Totti, osannato dal suo popolo

Diario di bordo. Anno 0, Giorno 2 d.T. Alla fine, anche l’ultima bandiera è stata ammainata. In un’atmosfera da psicodramma collettivo, Francesco Totti lascia la Roma, forse il calcio giocato. Una data storica, un evento epocale che contrasta fortemente con la futilità della nozione di “panem et circenses“, che lo sport dovrebbe esprimere. Il Capitano, tuttavia, non può essere archiviato come uno dei tanti; amato o odiato fino al parossismo, egli ha rappresentato il paradigma principale per almeno due generazioni di calciofili e non solo.

UN TRIBUTO- E’ impossibile esprimere in uno spazio limitato che cosa abbia significato Totti per milioni di persone. Gli oltre 60.000 volti dell’Olimpico, solcati dalle lacrime, sono la testimonianza più clamorosa di un sentimento cui forse non è ancora stato dato un nome. Non sappiamo come Francesco immagini il suo futuro e, francamente, dopo 25 anni al servizio di una Causa, la questione appare del tutto secondaria. Conta, invece, quel filo indissolubile che ha legato e lega la Bandiera Assoluta al suo popolo. Francesco Totti è stato ed è una teologia, una religione, una fede.

Francesco Totti, acclamato imperatore dai suoi pretoriani
Francesco Totti, acclamato imperatore dai suoi pretoriani

A RITROSO NELLA STORIA- Quando Gaio Ottavio, dopo la battaglia di Azio, cercava un fondamento solido al suo potere autocratico, volle essere definito Augustus, che nell’accezione greca assumeva il senso sacrale di “venerato”. E’ difficile non pensare a quanto Totti ricordi il primo imperatore della storia di Roma. Ottaviano (avrebbe odiato essere chiamato così, egli era il figlio del Dio Cesare) trovò nella formula dell’augurium augustum il richiamo alla fondazione della Città Eterna; il Capitano, anch’egli venerato, della Città Eterna è il simbolo più potente. Un nuovo fondatore, come fu Augusto, dopo Romolo; una nuova nascita, una nuova storia, e una nuova fine. Forse l’ultima. Non ci sarà mai più un altro Francesco Totti.

APPROFONDIMENTI  Debito pubblico, è un aumento continuo

Leave a Response