Fake news, quando la bufala spopola in rete

Fake news bufale

Le fake news oramai spopolano e dominano ovunque. Questo non è altro che il grande potere della rete e dei social. Pro e contro della tecnologizzazione e della modernizzazione della società insomma. Ma smascherare le bufale è davvero così difficile e complicato? Proviamo a rispondere. In modo intelligente ed esaustivo.

 Il problema probabilmente è sempre e soltanto uno: le bugie ripetute più volte diventano praticamente quasi verità. Questo è lo strumento principale su cui si basa il sistema delle notizie fasulle. Trucchetti su trucchetti, che però sembrano funzionare. E non ci si può nemmeno dimenticare che, per tantissimi motivi, la fiducia nei media tradizionali è in vistoso calo. E, in fondo, produrre contenuti tramite blog, siti e canali YouTube è un qualcosa che costa sempre meno e che soprattutto è alla portata di tutti. La solita arma a doppio taglio quindi.

Ed ecco che quindi in molto hanno deciso di dichiarare guerra totale alle fake news. È questo ciò che sta accadendo in Germania, dove le bufale in rete la fanno ormai da padrone. Il ministro della giustizia tedesco Maas ha dunque deciso di presentare un progetto di legge contro la proliferazione dei commenti che istigano alla violenza e le notizie false che spopolano sui social network, come Facebook, Twitter e YouTube. Sono addirittura previste multe fino ai 50 milioni se non vengono eliminati con determinati contenuti. Insomma, una vera e propria linea dura.

Ma può essere questa la soluzione? Difficile dirlo. Sicuramente sui social la possibilità di imbattersi in una fake news  è davvero molto elevata. Però va detto che non è Facebook a creare una bufala. Esso è solo uno strumento in cui quest’ultima viene condivisa e si diffonde, vista soprattutto la grande portata che ha la comunità creata da Mark Zuckenberg. Ma forse il problema è molto più complesso e riguarda il mondo dell’informazione nella sua totalità e nel suo complesso. Perché se si pensa che una bugia corrisponda a verità c’è davvero qualcosa che non quadra.

APPROFONDIMENTI  Legittima difesa, pro e contro di un concetto controverso

Leave a Response