Le 4 rimonte più pazze nella storia del calcio

Rimonte pazze calcio

Una serata folle al Camp Nou. Un 6-1 che permette al Barcellona di entrare di diritto nella leggenda. Un qualcosa di impensabile e di indescrivibile. Anche se quello del Paris-Saint-Germain è stato un vero e proprio suicidio sportivo. Ma ecco che questa notte tinta fortemente di blaugrana fa tornare in mente alcune delle rimonte più pazze della storia del calcio. Anche se questa probabilmente resta e sarà irripetibile.

BAYER MONACO-MANCHESTER UNITED 

Finale della Champions League 1998/1999. Tedeschi in vantaggio dopo soltanto cinque minuti. Un gol che regge fino al 90′. Ma ecco che, nei minuti di recupero, i gol di Sheringam e Solskjaer ribaltano la situazione e consegnano la coppa ai Red Devils. Per il più incredibile dei finali.

MILAN-LIVERPOOL

Ancora Champions League. Ancora una finale. E stavolta sono ricordi amari per  una squadra italiana. 3-0 dopo il primo tempo e partita che sembra ormai chiusa. Ma in 6 minuti i Reds trovano il pari. E ai rigori la beffa per il Milan è totale. Una rimonta e una sconfitta che ancora oggi è una vera e propria spina dolente per i tifosi rossoneri.

GERMANIA-SVEZIA

16 ottobre 2012. Match valido per le qualificazioni ai mondiali del 2014. I teutonici si portano sul 4-0 e dopo un’ora i discorsi sembrano finiti. Invece no. In mezz’ora gli scandinavi riescono a risalire la china, trovando il 4-4 al minuto 92.  Perché le rimonte pazze non sono affatto un’esclusiva dei club.

BLACKPOOL-BOLTON

Chicca storica finale. Correva l’anno 1953. Parliamo della finale di Fa Cup più famosa della storia. A venti minuti dalla fine il Bolton si trova in vantaggio per 3-1. Ma è una tripletta di Mortesen a valere una rimonta assurda del Blackpool. Ancora oggi si parla di questa partita come la finale di Matthews, autore di ben due assist. Perché quest’ultimi, a volte, contano più delle stessi reti. E anche questo è forse un po’ folle e pazzo.

APPROFONDIMENTI  Sanremo, ecco le 10 cose da ricordare della seconda serata

 

Leave a Response